Seregno (MB)

CENSIMENTO MANUFATTI CONTENENTI AMIANTO 
Legge regionale 17/2003 e successiva modifica (L.reg. 14 del 31 luglio 2012)

A CHI RIVOLGERSI:
Si avvisano i proprietari di edifici, impianti o luoghi nei quali vi è la presenza di amianto o di materiali contenenti amianto di provvedere (se non già effettuato) al censimento dei manufatti compilando il modulo NA/1 previsto dal PRAL (Piano Regionale Amianto Lombardia) che dovrà essere inviato a: 

ASL 3 di Monza e Brianza – Unità operativa di Desio – Via Foscolo n.24, 20832 Desio. 

La normativa prevede che la mancata comunicazione all’ASL comporterà una sanzione amministrativa da € 100 a € 1.500. 

I proprietari di manufatti contenenti amianto devono verificare periodicamente lo stato di degrado dei materiali e se necessario intervenire per mantenerli in sicurezza. 

Per stabilire lo stato di degrado delle coperture in cemento amianto (eternit) la Regione Lombardia ha adottato il “protocollo operativo per la valutazione dello stato di conservazione delle coperture in cemento amianto” (Decreto D.G.S. n° 13237 del 18.11.2008). 

La modulistica e le normative di riferimento sono disponibili presso l’ufficio ASL o scaricabili da questo sito. 
Ulteriori informazioni: 
1. ASL 3 di Monza e Brianza – Unità operativa di Desio – Via Foscolo n.24 – 20832 Desio, tel. 0362 – 483202/9 
2. Città di Seregno – Servizio politiche ambientali – Via Paradiso n.6, tel. 0362.263371/2

PRONTO UN PIANO PER LO SMALTIMENTO DELL’ETERNIT

Pubblicato il: 14/05/2004   

Il Comune interviene nella rimozione e smaltimento di rifiuti di lastre in cemento – amianto (eternit) scaricate abusivamente sul territorio.

L’abbandono abusivo sul territorio di lastre in cemento –amianto (eternit) crea molti problemi per la salute e la sicurezza dei cittadini. 

Le difficoltà maggiori sono legate alla raccolta e allo smaltimento che richiede particolari cautele e procedure. 

L’eternit lo si trova sotto forma di lastre e frammenti unito ad altri rifiuti inerti o altre tipologie in diverse zone della città. In genere vengono privilegiate le aree a verde in quanto offrono maggiore copertura all’azione abusiva di scarico. Fortunatamente le segnalazioni di presenza dell’eternit arrivano da più parti: cittadini, operatori del servizio di nettezza urbana, agenti di polizia locale e dalla Provincia di Milano attraverso la rete delle Guardie Ecologiche.