Pavia. Landriano. Amianto abbandonato in riva al Lambro

LANDRIANO 15.09.2014. La strada che collega Zibido al Lambro e Landriano è costellata di discariche abusive. La prima in cui ci si imbatte è quella più pericolosa: lastre di amianto buttate tra l’erba, in parte nascoste, vicino a una roggia. La strada poi diventa sterrata e si alza un cumulo di pneumatici. Sono grossi, gettati sulle sponde del Lambro. Di fotografie con rifiuti abbandonati i residenti ne hanno raccolte molte. Alcune risalgono a diversi anni fa, altre sono più recenti. Le lastre di amianto sono ora solo nascoste dall’erba alta, ma sono lì, accanto alla strada, ormai sembrano far parte del paesaggio. Ci sono mucchi di spazzatura gettati lungo la provinciale numero. I rifiuti toccano l’acqua del Lambro. Pezzi di elettrodomestici, abiti, c’è anche una macchinina gialla, il giocattolo di un bambino. «Le foto le abbiamo inviate anche alla Provincia, tre anni fa – spiega Luigi, residente della zona – l’amianto e le 15 gomme di camion sono ancora lì da allora». E non è l’unica discarica abusiva. «Anche a Vidigulfo c’è una discarica da anni – spiega Luigi – è vicino alla pista di Vairano. E’ da anni e nessuno interviene». I rifiuti vengono abbandonati lungo la strada provinciale, scaricati in grandi quantità e lasciati lì, spesso per molto tempo. E anche quando le aree interessate vengono ripulite poi dopo qualche mese sono di nuovo usate come discarica abusiva. «Avevamo fatto tempo fa una ordinanza per chiudere con una sbarra il tratto di strada intercomunale – spiega Maria Ivana Vacchini, sindaco di Landriano – una strada sterrata che porta a delle cascine. Mi accerterò di queste discariche».