Cassoni

Il rilascio di fibre da tubazioni o cassoni in cemento amianto dipende dalla solubilizzazione della matrice cementizia ed alla conseguente cessione delle fibre all’acqua.

Il rilascio di fibre è quindi causato dalla natura dell’acqua trasportata, ed in particolare dalla sua aggressività, anche se altri parametri (turbolenza, temperatura, velocità) possono avere un ruolo importante. Attualmente la normativa nazionale e comunitaria non prevede prescrizioni relative alla sostituzione dei cassoni in cemento-amianto per l’acqua potabile, a meno che non presentino evidenti segni di deterioramento.

In ogni caso va valutato il reale stato di conservazione di tali manufatti per decidere sulla opportunità di una loro sostituzione, e va programmata la loro progressiva e sistematica eliminazione via via che il loro stato di manutenzione consenta la loro dismissione. Il decreto ministeriale prevede anche in questo caso delle procedure specifiche a tutela della salute dei lavoratori, analoghe a quelle di cui al punto precedente.