Capannone travi Y

Questa tipologia di capannone è forse di gran lunga il peggiore sotto il profilo della manutenzione di copertura. Sono composti da travi a Y su cui vengono fatte delle piccole falde centinate di amianto ai bordi delle quali vi sono dei canaletti di scolo dell’acqua piovana direttamente su cemento.

Tutti questi canaletti fanno confuire l’acqua sui canali di gronda posti sui finachi, Per non farsi mancare nulla i progettisti hanno fatto anche una controsoffittatura in lastre semipiane di amianto sopra la quale è stata stesa della lana di roccia per la coibentazione.

Il capannone risulta non pedonabile in quanto lo sfondamento di una qualsiasi lastra di eternit porta irrimediabilmente a sfondare anche la controsoffittatura sempre in amianto

Per l’intervento su questi capannoni quindi serve oltre al solito ponteggio e/parapetti perimetrali anche la stesura di reti anticaduta sotto la copertura, qualora non fosse possibile fissare le reti anticaduta si dovrà optare per delle linee cita provvisorie da fissare in copertura.

Lo smaltimento della copertura ha un costo di circa 2,5 volte quella di una copertura normale in eternit in quanto l’amianto è in doppio strato e tra esso è interposta anche la lana di roccia. Inoltre per questo tipo di intervento l’attività sottostante, qualora vi fosse, dovrà essere sospesa nei giorni della bonifica,

Una successiva nuova copertura può essere fatta con dei pannelli sandwich centinati con la stessa sagoma delle lastre in eternit esterne. Questo intervento però non elimina la manutenzione che dovrà essere fatta ai canaletti di scarico dell’acqua in cemento.

Per ovviare a questo inconveniente è possibile ricostruire la copertura a falde inclinate eliminando gli scarichi d’acqua laterali. Chiaramente per poter eseguire questa nuova tipologia di copertura si dovrà approntare i costi aggiuntivi di una nuova struttura in ferro che dia la forma delle nuove falde inclinate utilizzando dei piedini regolabili.